Zalando: paga dopo, se ti va

Zalando
09 gen 2019

Zalando, piattaforma online di abbigliamento con 25 milioni di clienti attivi in Europa, propone nuovi metodi di pagamento ai suoi clienti italiani.

L’azienda tedesca (4,5 miliardi di euro il suo fatturato nel 2017) punta sui servizi di pagamento posticipato. Se “come pagare” è, d’altra parte, uno degli obblighi del commercio digitale, “quando pagare” può rappresentare un vantaggio competitivo non indifferente.

Personalizzazione dell'acquisto

Per Zalando l’obiettivo è chiaro: uno store online sempre più ampio nel quale il percorso d’acquisto viene personalizzato in tre fasi. La scelta del prodotto, la consegna nel modo preferito, il pagamento da effettuarsi dopo la prova a casa. I clienti, infatti, potranno ricevere i capi ordinati, verificarne la vestibilità e pagare solo ciò che è di effettivo gradimento.

In quest’ultimo passo, Zalando è il primo merchant a proporsi nel nostro paese. Lorenzo Pretti, manager per il Sud Europa, è esplicito: "Siamo entusiasti di poter offrire un livello di convenienza mai visto prima dai consumatori italiani”.

I precedenti

Non si tratta, per quanto riguarda l’Europa, di una novità assoluta. Questa opzione di acquisto ha già trovato largo consenso in Francia, dove è stata introdotta da due anni. Come conseguenza, circa un terzo dei clienti di quel paese oggi si serve abitualmente di questa modalità di pagamento.

Esiste, inoltre, il precedente della banca svedese Klarna, che già sei anni orsono propose la stessa formula. Nel ruolo, però, di intermediario fra venditore e consumatore. Zalando, al contrario, si propone direttamente al cliente.

Le opzioni

Le opzioni disponibili sono l’uso della carta di credito (Visa o Mastercard) e il bonifico bancario, pensato per i consumatori che ancora diffidano delle transazioni digitali.

La prima opzione consente la prova dei capi ordinati e il reso di quelli non accettati entro 2-5 giorni lavorativi. L’addebito avverrà entro le due settimane successive per quanto accettato (per il reso totale dell’ordine non è previsto addebito).

La seconda opzione prevede il saldo dell’ordine via bonifico bancario entro diciotto giorni dalla data di spedizione.

La competizione

I servizi al cliente, in tal modo, segnano ancora più marcatamente la nuova soglia della competizione per il retail globale.

Secondo una ricerca commissionata a Boston Consulting dalla stessa Zalando, nel 2020 il 25% degli acquisti sarà finalizzato online. A beneficiarne saranno, in particolare, le piattaforme di settore, quali appunto Zalando.

L’obiettivo esplicito di Rubin Ritter, CEO dell’azienda, è di raggiungere in breve tempo i dieci miliardi di euro di fatturato, volume più che doppio rispetto all’attuale.