Venistar entra nel Gruppo Retex

Redazione
20 feb 2020

Venistar, con sede a Pianiga (VE), opera da 15 anni nella fornitura di soluzioni specialistiche per gli operatori della moda e del lusso. Sono più di 70 i brand interessati dalle sue attività, e oltre 30.000 gli utenti della piattaforma collaborativa Venistar CX. L’esercizio 2019 si è chiuso con ricavi per 9 milioni di euro.

L’operazione, conclusa nei giorni scorsi, consolida una strategia espansiva che, per la nostra azienda, si è mostrata sempre più incisiva e rapida nel corso del 2019. Nuovi partner, nuove tecnologie, ampia estensione dell’offerta, approfondimento delle competenze, aumento significativo delle referenze.   

Fashion & Luxury

L’obiettivo, esplicito e coerente con la storia dei protagonisti, è il rafforzamento decisivo della posizione comune nel mercato fashion e luxury, ispirata all’innovazione digitale del settore tramite l’integrazione delle conoscenze e delle tecnologie per l’omnicanalità. 

Fausto Caprini, il nostro CEO, ha commentato:

“Siamo molto felici di accogliere il nuovo straordinario team di Venistar, professionisti di grande esperienza a cui siamo legati dalla comune passione per l’innovazione nel retail. I successi conseguiti da Venistar, con alcuni tra i più prestigiosi brand fashion & luxury, sono un’occasione di ulteriore slancio nella realizzazione del nostro piano di crescita”. 

Roberto da Re, CEO di Venistar, ha commentato:

Abbiamo accolto con entusiasmo la proposta di Retex, azienda che abbiamo sempre ammirato per la sua capacità d’innovazione e visione strategica. Siamo certi che la partnership ci darà modo di raggiungere traguardi ambiziosi, primo tra tutti una più forte presenza internazionale per valorizzare al meglio le nostre soluzioni e competenze”.

Retex sul mercato

Con questa operazione, confermiamo e consolidiamo il ruolo di prima grandezza di Retex nel mercato italiano dei servizi al retail, per i suoi comparti GDO, ristorazione, fashion & luxury. Nel 2020, impegneremo oltre 300 professionisti e svilupperemo un volume di affari prossimo ai 40 milioni di euro.