Milano, fermata obbligatoria: arriva anche Primark

Primark
Michele Caprini
13 dic 2018

Primark aprirà un negozio in centro a Milano. Non sarà la prima volta italiana: l’insegna apparve per la prima volta nel 2016, all’inaugurazione del Centro di Arese. Seguirono poi altre aperture nei centri commerciali di Roncadelle, Campi Bisenzio e Verona. Per il colosso irlandese del fast fashion sarà quindi la prima volta “urbana”.

Primark a Milano

Milano la destinazione naturale, già roccaforte del principale concorrente Hennes & Mauritz (H&M, attivo con otto punti vendita) che nell’ultimo biennio è stato al centro di parecchie turbolenze. Massimo riserbo sulla data di apertura. Sana prudenza, forse, basti ricordare le ricorrenti voci di apertura, in passato, della prossima vicina di casa Starbucks. Un tormento, per il pubblico italiano, distribuito su più anni.

A dispetto della superstizione, lo stabile scelto nella centralissima via Torino è lo stesso che in passato ha ospitato Fnac, Billa, Trony, la cui sorte non è stata delle migliori. Ma le caratteristiche della sede milanese ne rispettano in pieno le logiche distributive: 10.000 metri quadrati su sette piani. Primark, secondo quanto scrive Business Insider, potrebbe avere ottenuto un prezzo di favore (2,5 milioni annui di locazione per un ventennio).

Un distretto fast fashion

I numeri di gestione maturati fino a oggi nell’Italia degli shopping center sono stati la buona premessa alla decisione di Associated British Foods (la holding di controllo) di aprire a Milano. Le caratteristiche della piazza meneghina sembrano adatte per poter replicare, infatti, il successo ottenuto dal brand in altre metropoli. L’offerta di Primark comprende abbigliamento donna, uomo e bambino, prodotti “beauty” e oggettistica per la casa. Il tutto a prezzi molto competitivi, che fanno del retailer il preferito da larghi strati di consumatori.

La zona scelta per l’insediamento, a questo punto, diventerà a tutti gli effetti un distretto fast fashion. Nella stessa via Torino sono già presenti, infatti, Pimkie e Terranova. La limitrofa piazza Cordusio ospiterà, dal novembre 2019, anche Uniqlo, multinazionale giapponese dell’abbigliamento con un’offerta molto simile a Primark.

Primark nel mondo

Il primo negozio è stato aperto nel giugno 1969 da Arthur Ryan, a Dublino. In Irlanda l'azienda opera con il nome originale Penneys, abbandonato per motivi di copyright negli anni settanta. L’espansione nel Regno Unito, infatti, avebbe comportato un conflitto con la catena di grandi magazzini J. C. Penney.

Primark oggi è attiva con 75 mila dipendenti su poco meno di 400 punti vendita nel mondo A oggi, il negozio più grande si trova a Manchester, con una superficie di vendita di 14.400 metri quadrati, distribuitii su tre piani. L'azienda irlandese ha chiuso l’ultimo esercizio con ricavi per 7,47 miliardi di sterline (8,4 miliardi di euro circa), rispetto ai 7 miliardi dell’anno prima.