Michael Kors chiude 125 negozi, continua l’Odissea del Retail USA

06 giu 2017

Michael Kors, uno dei brand internazionali più importanti della moda, ha annunciato nei giorni scorsi la chiusura di 125 negozi. Nelle intenzioni dell’azienda questo dovrebbe indurre un risparmio annuo di 60 milioni di dollari. Alla base della decisione i ricavi dell’ultimo trimestre, comprensivi delle licenze, scesi del 11,2% a 1,06 miliardi di dollari; nello stesso periodo le vendite complessive – negozi e digital commerce - sono calate del 14,1%. La perdita netta per Michael Kors è di 27 milioni di dollari. Il CEO John D. Idol ha ammesso che l'esperienza "prodotto e negozio" di Michael Kors non è in questo momento in linea con la tradizione del brand e con le aspettative dei consumatori e ha avvertito che l’esercizio fiscale 2018 sarà un anno di transizione. Se l'espansione dell'azienda in profumo e wearable potrebbe aiutare la ripresa, Michael Kors sta soffrendo le conseguenze dell’espansione della sua rete distributiva: conseguentemente l’azienda ha ridimensionato le vendite dei grandi magazzini nel tentativo di combattere il calo di redditività determinato dall’eccessiva pressione promozionale.   Le cifre del Retail sono state pessime. “Un aumento del 0,5% delle vendite totali può sembrare un risultato accettabile, ma quando inserito nel contesto dei 159 negozi aggiunti nell'ultimo anno è invece molto insoddisfacente", ha detto Idol.  "È chiaro nel breve periodo, le vendite diminuiranno ulteriormente mentre il gruppo si sforza di trovare il suo posto nel mercato. È un'azione dolorosa di ristrutturazione, ma dobbiamo concentrarci sulla ricostruzione del marchio ". Oggi gli obiettivi principali di Michael Kors sono due: migliorare il livello d’innovazione dell’offerta e l'esperienza d’acquisto del cliente nei negozi. Soprattutto il secondo sembra il tratto distintivo delle sofferenze del settore: le vicende di Abercrombie Fitch, Aeropostale, American Apparel, Land’s End, Ralph Lauren si sono assommate alla crisi dei maggiori retailer generalisti USA, oggi impegnati in uno sforzo di ristrutturazione senza precedenti.

retex_vendite_retail_strategia_omnichannel