Interbrand 2017, nei primi 100 marchi al mondo domina la tecnologia e cresce il Retail

26 set 2017

Interbrand, la consulting company newyorchese n°1 nella valutazione, strategia e management del marchio, ha stilato l’annuale classifica elencando i 100 brand di maggior valore. La metodologia di Interbrand, la prima a essere certificata ISO, analizza tre fattori:

  • la performance finanziaria dei prodotti o servizi contraddistinti dal brand
  • il ruolo del brand nel processo d’acquisto da parte della clientela
  • la forza competitiva del brand e il suo profilo di rischio.

Nella classifica Interbrand il valore totale dei marchi presenti è di 1.872 miliardi di dollari. Nell’ultimo decennio il valore cumulato è aumentato del 54% (era di 1.214 miliardi di dollari nel 2008).

Anche quest’anno è la tecnologia guida il gruppo, con sei aziende sulle prime dieci e Apple (che si conferma in testa alla classifica per la quinta volta consecutiva, con un valore del marchio di 184,2 miliardi di dollari, + 3% rispetto al 2016), Google e Microsoft sui primi tre gradini del podio. Se anche per “Big G” si tratta di una conferma (brand value di 141,7 miliardi di dollari, in crescita del 6% sul 2016), la performance migliore è quella di Microsoft, che dal quinto posto mantenuto dal 2012 al 2014 è salita al quarto nel biennio 2015-2016 e ora al terzo (con una valutazione di quasi 80 miliardi, il 10% in più rispetto ai 72,8 dell’anno scorso) superando CocaCola.

Il settore retail, rappresentato dai marchi Amazon, Ikea ed eBay, è quello con un maggior tasso di crescita: l'incremento è del 19%. Nel settore largo consumo sono compresi 9 brand, tra i quali la crescita maggiore è registrata da Lego (+5%). Tra i 16 brand che hanno ottenuto una crescita a doppia cifra spiccano Facebook (+48%), Amazon (+29%), Adobe (+19%), Adidas (+17%), Starbucks (+16%), Huawei (+14%), PayPal (+12%) e due grandi nomi del banking, (Goldman Sachs +16%, Morgan Stanley +14%).

Tre le new entry da segnalare Netflix, (78° posto, con5,6 miliardi di dollari) la software company Salesforce (84° con 5,2 miliardi di brand value) e Ferrari (88° con 4,9 miliardi di dollari), uno dei tre brand italiani a essere presenti nella classifica: gli altri sono Gucci (che pur appartiene al gruppo francese Kering) e Prada.