GDO al Giro Online: IPER maglia gialla, Esselunga e Coop seguono a ruota

20 lug 2017

Grande Distribuzione Organizzata significa da sempre scaffale, carrello, punto cassa. Imprescindibili, ma nell’era digitale è imprescindibile anche l'efficace posizionamento delle insegne sul web, che Bem Research studia da anni. I cinque diversi parametri scelti a supporto dell’indagine sulla GDO sono:

1) I brand maggiormente cercati su Google; 2) La visibilità dei siti web su parole chiavi ad alto traffico relative al settore di riferimento; 3) La velocità di caricamento delle pagine web; 4) L’usabilità dei siti web; 5) Il grado di competizione online nel settore in cui l’azienda opera.

La classifica dei migliori brand online nel settore della GDO viene pubblicata mensilmente. Vengono analizzate le presenze online di Alì Supermercati, Auchan, Bennet, Bricocenter, Carrefour, Conad, Coop, Decathlon, Dok Supermercati, Doro Supermercati, Emi Supermercati, Esselunga, Euronics, Famila, Gamestop, Gros, Iperdrive, Ipermercati Iper, Leon Supermercati, Mediaworld, Primark, Sigma, Supermercati Contè, Supertosano, Tigre Supermercati, Todis, Unieuro. Nel suo insieme la performance on line dell’intero settore della GDO, calcolato su 11 diversi brand, ha mostrato una crescita di quasi il 6 per cento rispetto al mese scorso.

Sul podio virtuale prendono posto, nell’ordine: Ipermercati Iper, Esselunga e Coop. Ipermercati Iper, azienda italiana del gruppo Finiper (cui fanno capo anche i punti vendita con l’insegna “La grande i” e “Supermercati Unes), mantiene la prima posizione conquistata dal marzo 2016. Seguono Esselunga e Coop, entrambe con gli indicatori in crescita. In quarta posizione si attesta Decathlon, la catena francese di negozi specializzati in articoli sportivi. Tra i migliori brand on line nella grande distribuzione è presente un’altra catena francese, Carrefour, che guadagna una posizione in classifica.

Secondo gli autori della ricerca le tendenze di ricerca su Google di parole connesse con Grande Distribuzione Organizzata sono in crescita da diversi anni perché i consumatori italiani utilizzano sempre di più Internet per informarsi e acquistare. Per i retailer è necessario essere presenti e visibili sul web, ma questo non basta: i siti devono essere adatti alle esigenze dei consumatori.