Petfood, per gli “Amici di Casa” Coop mette a piano 60 negozi entro il 2019

04 set 2017

Il mercato petfood assorbe i consumi indirizzati ai circa 60 milioni di animali domestici che vivono in Italia. I pet fanno parte di nuclei familiari tendenzialmente più numerosi rispetto alla media nazionale -2,8 componenti a fronte di 2,4 – ma sono in aumento anche nelle famiglie con un solo componente (passate dall’8,4% del 2011 all’11,1% nel 2017).

Nessuna sorpresa, quindi, per il trend positivo delle vendite in valore anche nel 2016, con una crescita del fatturato del +1,8. Gli alimenti per cane e gatto sono la categoria trainante del petfood, con un fatturato di 367 e 261 milioni di euro rispettivamente.

Coop Alleanza 3.0 ha adottato per il canale una politica commerciale aggressiva, con un piano di sviluppo che prevede 60 nuove aperture nel triennio 2017-2019. Negli ultimi giorni sono stati inaugurati due nuovi negozi a insegna “Amici di casa Coop”: uno a Bologna, al Centro Lame e uno a Ferrara, al Centro Le Mura. I due punti vendita vanno ad aggiungersi al primo della neonata catena petfood, inaugurato al Centro Esp di Ravenna nel luglio scorso. Altre 3 inaugurazioni sono a calendario per la fine del 2017 a Spinea (Ve), Reggio Emilia e Maranello (Mo).

I punti vendita hanno una superficie compresa tra 300 a 500 mq e presentano sugli scaffali un assortimento che varia da 3.500 a 5.000 prodotti, dalla linea Coop “Amici speciali” alle marche più diffuse nel settore.

All’offerta classica di alimenti e articoli per l’igiene, la bellezza e il benessere, fino agli accessori per la cura e il gioco si affianca la proposta di servizi. Per i cani, ad esempio, la toelettatura, eseguita da professionisti, è possibile fissarla in appuntamento alle casse. In alternativa, i clienti possono provvedere autonomamente utilizzando gli spazi e le attrezzature presenti. Nei negozi “amici di casa” saranno organizzati anche eventi e corsi a tema, con il coinvolgimento di veterinari, nutrizionisti ed educatori.

L’insegna prevede l’assunzione, a regime, di oltre 400 nuovi dipendenti.