WeChat payment e mini programs: l’innovazione nell'utilizzo dello smartphone in Cina

Wechat: innovazione dei pagamenti
Redazione
02 dic 2019

WeChat Wallet: la nuova valuta digitale cinese

La crescita veloce di WeChat in un tempo così ridotto è dovuta, anche, al successo nel confronto commerciale con Weibo. Questo è un sito di microblogging simile a Twitter, ed è gestito da Sina, uno dei tre più importanti portali di notizie della Cina.

Weibo si era affermato come una piazza pubblica per un’utenza trasversale, WeChat puntò a un modello diverso. Non più sequenze di trasmissioni individuali per un pubblico di massa, ma chat di gruppo di dimensioni limitate. La diffusione di questo nuovo modo di comunicare, che permetteva maggior confidenzialità e profondità della relazione tra le persone, riscosse un enorme successo.

Nel 2013 appare il "portafoglio digitale". WeChat Wallet ha fatto sì che i commercianti titolari di un account fossero in grado di vendere facilmente prodotti e servizi. La sua evoluzione oggi costituisce, con Alipay di Alibaba, il duopolio della valuta digitale cinese.

WeChat mini programs: un’estensione per facilitare le attività quotidiane

Il 2017 è l’anno dei Mini Programs di WeChat che abilitano gli utenti ad accedere ad applicazioni e servizi di terze parti senza lasciare la piattaforma.

L’obiettivo è la creazione di una costellazione di software leggeri (massimo 1 MB), accessibili senza download, per usi possibili praticamente illimitati.

I due presupposti dell’operazione sono semplici. Per primo, l’uso massiccio, nel mercato cinese, dei codici QR: dalla pubblicità ai pannelli informativi in uffici, metropolitane e musei, ma anche sui biglietti da visita e nell’abbigliamento. Poi, l’invadenza delle tante applicazioni usate pochissimo, anche una volta soltanto, ma sempre presenti in memoria.

Meno di un anno dopo, esistevano già 600.000 Mini Programs, offerti da Wechat o da terze parti, usati da circa 170 milioni di utenti attivi al giorno. Sono un’eccellente facilitazione delle attività quotidiane: pagare le bollette, comprare assicurazioni, fare donazioni, prenotare voli, comprare i biglietti del cinema e ordinare cibo. In alcune regioni della Cina, gli utenti possono anche creare le proprie carte d'identità digitali e regolare il proprio rapporto con l’amministrazione centrale e locale.

Anche le aziende occidentali presenti in Cina hanno approfittato dell’innovazione e ne hanno, anzi, contribuito alla diffusione. Solo per riferirci alla ristorazione, Starbucks, McDonald’s e KFC gestiscono promozioni e sconti tramite mini-programs appositi.

WeChat: il nuovo modello di innovazione per Facebook?

Il febbraio 2018 verrà ricordato a lungo. In quel mese, infatti, viene raggiunto il miliardo di utenti registrati. Alla fine dell’anno, inoltre, il volume delle transazioni giornaliere toccherà quota 1,2 miliardi.

In questo decennio, WeChat ha bruciato le tappe. Altri attori, nel frattempo, si sono presentati sul mercato e con prospettive di prim’ordine. Douyin, per esempio, soddisfa al meglio la propensione dei cinesi, soprattutto i più giovani, per i video di breve durata. La versione per l'estero, TikTok, ha trovato il favore di più di 200 milioni di utenti solo in India dal suo debutto globale di due anni fa.

Ma il credito guadagnato da Tencent in questo breve periodo sembra un capitale dalla lunga rendita.

Jeffrey Towson, docente di tecnologia e business alla Peking University, ha detto recentemente: "Ogni due o tre anni, Tencent supera i confini acquisiti. E cosa ha creato Facebook, negli ultimi 10 anni? Niente".

Qualche mese fa, prorio Mr.Facebook, Mark Zuckerberg, ha ammesso il proprio rammarico per la scarsa attenzione riservata nel passato a WeChat. Vuole recuperare il tempo perduto, adesso, per incorporarne quasi tutte le funzioni più importanti: chat video, storie di gruppo, servizi di pagamento, e-commerce .

Quelle dichiarazioni hanno segnato di fatto la svolta nella percezione comune. WeChat è diventato un modello, invertendo la rotta dei cercatori d’oro tecnologici: da oriente a occidente.