Il design delle idee di Atoms Studio

REDAZIONE
19/10/2021
in sintesi
Quali aziende sono riuscite a fronteggiare lo scenario imprevedibile di questi ultimi anni?
Quelle che sono state in grado di partire dal contesto nel quale erano state improvvisamente catapultate, analizzando i dati disponibili per creare soluzioni ad hoc per lo sviluppo di nuovi servizi e prodotti, ad esempio un e-commerce.

Che cos’è il Design Thinking? Nato attorno agli anni 2000 come un innovativo modello di pensiero, è attualmente considerato un metodo progettuale che facilita l’analisi di ecosistemi interconnessi e l’individuazione di soluzioni a problemi complessi, tipici dell’era digitale. Si basa su osservazioni euristiche di casi specifici, con l’obiettivo di individuare le azioni più appropriate per un certo cluster di persone, in un determinato contesto, a partire da specifici requisiti di business.

In un imprevedibile scenario post-pandemico, le aziende che si occupano di retail hanno dovuto ripensare i propri servizi e prodotti, con strategie a breve e a lungo termine. Una delle azioni vincenti è stata quella di sviluppare customer experience su misura delle nuove richieste dei clienti.

In particolare, è sopravvissuto chi è riuscito a governare la complessità, anche utilizzando metodologie di analisi tipiche del Design Thinking per assumere scenari di cambiamento verosimili. Alcune tecniche sono l’osservazione del cambiamento delle abitudini, la considerazione delle diversità culturali, l’individuazione di inaspettati bisogni delle persone.

Tra i mutamenti del contesto, si è registrato un aumento esplosivo degli acquisti online, su cui, tra gli altri, si sono concentrati la Grande Distribuzione e l’industria del fashion.

Le ricerche qualitative sull’utente e le indagini di contesto rivelano alcuni trend, quali il cambiamento delle abitudini d’acquisto, come la ricerca di cibi più sani e biologici, l’impossibilità di acquistare in store fisici e un nuovo modo di condividere gli spazi.

È stato anche possibile condurre analisi quantitative, basate sull’ingente quantità di dati raccolti durante la navigazione di ambienti digitali, che hanno consentito lo sviluppo di soluzioni tecnologiche ad hoc, che rendono l’esperienza del consumatore sempre più personalizzata e fluida.

White Paper - Unicoop Tirreno & Retex

Atoms: il partner giusto per costruire una customer experience all’insegna del design di prodotto

È stato proprio questo l’approccio di Atoms Studio, realtà del Gruppo Retex ideatrice di soluzioni di Digital Product Design, Technology & Engineering, Ricerca e Consulenza orientate prevalentemente ai settori Fashion & Luxury, Design, Pharma & GDO. I modelli tecnologici avanzati che ne hanno contraddistinto, fino a qui, la storia, sono la natura stessa del cambiamento, indotto con prodotti e servizi che fanno della sostenibilità e dell’inclusività veri e propri strumenti di potenziamento delle progettualità.

“Ascolto del cliente, attenzione al dettaglio e cura per il design digitale sono sempre stati gli elementi che hanno contraddistinto la nostra storia, fin dalla nascita. La pandemia e i mutamenti nelle abitudini hanno rappresentato una sfida che siamo stati in grado di fronteggiare con successo grazie al nostro approccio aperto all’imprevedibilità e la creatività nel cercare nuove soluzioni, che ci hanno sempre contraddistinto. Il futuro è incerto ma quello che sappiamo è che l’incertezza rappresenta il principale stimolo per cercare nuovi orizzonti adatti a soddisfare i nuovi bisogni dei clienti – ha commentato Valentino Caporizzi, CEO di Atoms Studio”.