Diebold Nixdorf, è oggi il primo giorno del nuovo gigante

16/08/2016
in sintesi
Diebold Nixdorf è un gigante da 5 miliardi di dollari, attivo con 25.000 persone in 130 nazioni, fornitore delle più importanti banche e retailer mondiali.

Diebold Nixdorf, inizia oggi il cammino un nuovo gigante del mercato.

Diebold Incorporated ha annunciato ieri, 15 agosto, di aver completato con successo l’acquisizione di Wincor Nixdorf AG tramite la sua offerta pubblica di acquisto su azioni ordinarie della società.

Diebold, un’istituzione dell’industria americana (fu fondata nel 1859 a cincinnati, Ohio), è leader mondiale nella produzione, installazione e gestione di apparati self service per il mondo bancario. La tedesca Wincor Nixdorf, invece, opera dal 1952 a livello internazionale nello stesso ambito di mercato ed è uno dei più importanti soggetti del mercato mondiale nella produzione di hardware e software, e per i servizi a questi relativi, nel settore Retail.  A Wincor Nixdorf si deve ad esempio l’introduzione, nel 1973, del primo sistema elettronico POS in Europa.

In Italia Wincor Nixdorf è partner strategico di Retex nella realizzazione di sistemi informativi integrati per la Grande Distribuzione Organizzata, implementando soluzioni avanzate di pagamento, cash management e self checkout in contesti distributivi importanti quali Lombardini, Coop, Agorà e Carrefour.

Dalla fusione delle due aziende nasce Diebold Nixdorf, un gigante da più di 5 miliardi di dollari di fatturato (realizzato per il 40% sul mercato americano, per il 40% in EMEA e per il restante 20% in Asia Pacific), attivo in 130 paesi del mondo con una struttura operativa di 25.000 persone, fornitore di quasi tutti i primi 100 istituti finanziari mondiali e della gran parte dei primi 25 retailer. Diebold Nixdorf detiene un terzo dell’installato mondiale di ATM (Automated Teller Machines, i sistemi per il prelievo automatico di denaro contante), gestirà circa 10 milioni di chiamate di assistenza all’anno in 25 lingue diverse, spenderà quasi 200 milioni di dollari in ricerca e sviluppo e conta complessivamente già oggi più di 3000 brevetti.

Di sorpresa certo non si può parlare, visto che per il settore banking Diebold Nixdorf era nei fatti una presenza congiunta già a metà del 2014, in virtù di una collaborazione strategica nello sviluppo di soluzioni antifrode per gli ATM. Andy Mattes, ex CEO dell’azienda americana, ricoprirà lo stesso ruolo in Diebold Nixdorf, il cui presidente sarà Eckard Heidloff, ex CEO dell’azienda tedesca. Le sedi corporate saranno situate a North Canton, Ohio e a Paderborn, in Germania. In questo paese per il momento le attività di Diebold Nixdorf proseguiranno a marchi separati.

New call-to-action