Il rapporto BoF 2018 e una svolta che fa epoca nel fashion mondiale

 

Il rapporto annuale di The Business of Fashion – più semplicemente BoF – è considerato un appuntamento imperdibile per creativi, manager e brand della moda in qualsiasi parte del mondo. Appena pubblicato, il BoF “State of Fashion 2018” rende definitivo, anche se non inaspettato, quanto nel settore era ormai di dominio pubblico: sarà l’Asia il mercato di riferimento principale. Nel continente, a oggi, già più della metà delle vendite online globali e circa due terzi delle start-up di commercio digitale da oltre un miliardo di dollari.

Lo sviluppo del settore sarà intorno al 4%. Il dato significativo è che il 50% del business internazionale (approssimativamente 2.500 miliardi di dollari) sarà prodotto fuori dall’Europa e dal Nord America, con Asia, America Latina e Africa come regioni trainanti dei consumi. Tra i maggiori protagonisti della svolta India, Vietnam e Cina. Secondo il rapporto BoF 2018 questi mercati emergenti vedranno crescere il proprio volume d’affari tra il 6,5 e il 7,5%, mentre i nuovi player europei (Romania, Russia e Turchia) si attesteranno tra il 5,5 e il 6,5%. Tutto un altro passo rispetto ai mercati maturi del Nord America e dell’Europa, che non andranno oltre un tasso di crescita compreso tra l’1 e il 3%.

I nuovi trend al consumo, in particolare quelli riconducibili al target primario dei Millennials, poggiano sulla personalizzazione della relazione con il brand: sulle piattaforme online, tramite esperienze evolute di acquisto nei punti vendita e sui servizi disponibili via mobile. Proprio per la diffusione degli smartphone (secondo una ricerca di Ericsson nel periodo 2017-2023 questi dispositivi passeranno da 4,4 a 7,3 miliardi) e l’esplosione dei pagamenti online, il valore delle transazioni mobile crescerà per BoF tra otto e venti volte rispetto al 2015, con l’America latina (+19%) davanti a tutti.

Non solo il mobile tra le tecnologie strategiche allo sviluppo del fashion mondiale. I sistemi d’intelligenza artificiale (nel BoF Report 2018 trovano posto due pagine di McKinsey al riguardo) avranno un ruolo importante. Dal 2013-16, gli investimenti in tecnologie AI sono cresciuti ad un tasso annuo composto di quasi il 40 per cento. Ma sono molto concentrati geograficamente, e vedono l’Europa in ritardo rispetto Stati Uniti e Cina.

Ultima, ma non per importanza, la sostenibilità. Per BoF l’affermazione o il declino dei brand del settore sarà proporzionale anche alla capacità di risultare credibili sui temi della trasparenza e del rispetto dei presupposti etici dello sviluppo.

 


By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close